Febbre alta senza altri sintomi: cosa può essere?

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 17/09/2019 Aggiornato il 17/09/2019

A tre anni i "febbroni" sono la regola: per lo più sono dovuti all'aggressione da parte di un virus e non devono destare particolare preoccupazione.

Una domanda di: Lucia
Gentile professore,
al mio bambino di tre anni è salita la febbre a 39 senza alcun sintomo associato. Gli ho dato la tachipirina e in due giorni si è sfebbrato. E’ stato due giorni senza febbre poi la temperatura è risalita, stavolta toccando i 40 gradi. Abbiamo eseguito l’esame delle urine che in prima battuta ha rilevato tracce di sangue (presenza di globuli rossi) ma è risultato negativo per quanto riguarda la presenza di batteri. Il pediatra ha dunque escluso l’infezione delle vie urinarie a cui aveva pensato. Sabato scorso oltre al febbrone il bambino ha vomitato (acqua perché è praticamente digiuno), sono andata al pronto Soccorso, l’hanno reidratato con la flebo e gli hanno fatto gli esami del sangue da cui è emerso genericamente, per via della conta dei globuli bianchi, che ha un’infezione batterica in atto. Così gli hanno dato un antibiotico ad ampio spettro, di cui oggi ha già preso sei dosi. La febbre però non accenna a scendere, anche se la Tachipirina riesce a domarla più in fretta e ad abbassarla (arriva a 38) per più tempo. Il bambino dopo la permanenza di qualche ora in ospedale è tornato a casa con muco dal naso e abbassamento della voce, ma la gola non presenta segni di infezione (non è particolarmente arrossata e non ci sono placche). Posto che so benissimo che lei non ha doti di veggente, le chiedo comunque se può avere un’idea del tipo di infezione che il bambino potrebbe avere. In ospedale hanno detto che era inutile fare la lastra ai polmoni perché tanto anche se fosse polmonite la cura sarebbe la stessa che comunque sta facendo, a base di antibiotico ad ampio spettro (una dose ogni otto ore). Il bambino quando la Tachipirina agisce si riprende, è vivace, reattivo e gioca (anche se non ha appetito), ma quando la febbre sale è parecchio abbattuto, sonnecchia, non ha voglia di niente (questo glielo dico per darle più dati possibile). La ringrazio molto se vorrà darmi un parere.
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara signora, a mio parere suo figlio si è fatto due infezioni virali, una dietro l’altra, ma entrambe virali. Tipico che stia bene appena si sfebbra, che non gli sia servito l’antibiotico (quando serve porta a sfebbramento in meno di 24 ore) e i sintomi respiratori alti che accompagnano questa seconda febbre. I globuli bianchi sono un criterio poco specifico e possono risultare elevati in molte infezioni virali. Comunque sia, nulla di cui preoccuparsi: tra poco si sfebbrerà definitivamente, fino alla prossima febbre, che in questi mesi e alla sua età è la regola.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti