Febbre che non passa: che fare?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 19/11/2020 Aggiornato il 19/11/2020

Una febbre che persiste per oltre cinque-sei giorni rende opportuno effettuare accertamenti.

Una domanda di: Corina
Salve mio figlio, 2 anni e mezzo per 84 cm e 10,200 Kg, ha avuto febbre per 5 giorni con gola arrossata, dopodiché la pediatra, data la febbre persistente, mi ha dato l’antibiotico per una settimana. Per 5 giorni tutto sparito (tosse, raffreddore, febbre), ma la sera del 5°giorno di antibiotico è ricomparsa la febbre. Io sono disperata, sono stata anche al pronto soccorso per loro è un’infezione virale, da soministrare solo il paracetamolo, ma ha una febbre che dopo 2 ore dal farmaco a stento si abbassa. Cosa può essere? Grazie anticipatamente spero in una sua risposta. Cordiali saluti.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, se la febbre rimane, è necessario almeno un approfondimento sul coronavirus, cioè l’esecuzione del tampone. Dopodiché spetta al pediatra curante stabilire quali altri accertamenti eventualmente effettuare. Ha eseguito urinocoltura (infezioni urinarie)? Una Rx torace (polmonite)?
Se è una forma virale comunque la febbre dopo 5-6 giorni deve sparire. Altrimenti si tratta di cercare meglio la causa effettuando specifiche indagini. Mi tenga informato, se lo desidera. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti