Febbre, dolore sanguinamento dopo l’asportazione dei polipi uterini

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 22/03/2023 Aggiornato il 22/03/2023

Se dopo un intervento chirurgico persistono i sintomi di un'infezione è opportuno proseguire la cura con antibiotico.

Una domanda di: Debora
Salve il giorno 13/3/23 sono stata operata a più polipi uterini… il giorno stesso ho avuto sanguinamento … il giorno dopo l’operazione non avevo più sanguinamento ma febbre a 38 … chiamo il mio medico e mi prescrive l’antibiotico che ho finito domenica… il giorno dopo la febbre ho avuto dolori allucinanti alla pancia come un parto ….e ricominciano le perdite di sangue che tuttora dopo 10 giorni dall’intervento ho ancora… comunque mi reco in pronto soccorso dove si nota la PCR alta … dalla visita ginecologica dicono che è tutto ok … domattina devo ripetere la PCR, ma la mia domanda è sapere se è normale che ho ancora perdite di sangue rosso vivo e abbastanza considerevoli non abbondanti. Grazie.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Debora, è possibile che alcune zone di resezione possono essere sede di un fatto infettivo. Il trattamento antibiotico, a mio giudizio, deve essere proseguito fino alla scomparsa dei sintomi e della normalizzazione della PCR. Non mi ha detto quale sostanza antibatterica è stata utilizzata, con che dosaggio e per quanti giorni e questo limita la mia capacità di darle indicazioni, se non quella di mantenere una copertura antibatterica fino alla completa risoluzione del quadro chimico ed ematochimico. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio per il risultato del test di Coombs

24/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se, dopo l'immunoprofilassi, il test di Coombs risulta negativo significa che non vi è sensibilizzazione verso il fattore RH: si tratta di un esito di cui essere contenti.   »

Dubbio sul valore dell’alfafetoproteina in gravidanza

22/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il dosaggio dell'alfafetoproteina con il miglioramento delle tecnica ecografica ha perso significato come indagine per individuare alcune malformazioni del feto, come la spina bifida.   »

Streptococco vaginale al quinto mese di gravidanza

18/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco De Seta

Lo streptococco vaginale è di riscontro frequente in gravidanza. Se individuato molte settimane prima del parto va trattato solo se dà luogo a sintomi.   »

Verso la sesta settimana l’embrione non si vede: proseguirà la gravidanza?

18/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non è raro che prima della sesta settimana l' ecografia non visualizzi l'embrione, senza che questo sia automaticamente brutto segno. Sarà comunque l'ecografia successiva a chiarire se la gravidanza è evolutiva o no.   »

Fai la tua domanda agli specialisti