Febbricola che non passa dopo il vaccino anti-CoVid

A cura di Dott.ssa Elena Bozzola Pubblicato il 21/02/2022 Aggiornato il 08/03/2022

Quando un lieve rialzo della temperatura corporea persiste per oltre un mese dopo la somministrazione del vaccino anti-CoVid-19 è opportuno indagare su altre possibili cause, visto che gli effetti indesiderati di una vaccinazione in genere scompaiono nell'arco di pochi giorni.

Una domanda di: Silvia
Mio figlio di 14 anni ha dal 10 gennaio, giorno della II dose vaccino Moderna, febbricola tutto il giorno, sera e notte, in media 37,3, qualche sera 37.8. Covid Test negativo. Esami del sangue/urine/cuore (ECOCARDIOGRAFIA COLORDOPPLER A RIPOSO + ELETROCARDIOGRAMMA) perfetti. Si ipotizza che abbia reagito male al vaccino (che il suo sistema immunitario abbia avuto una over-reaction alla stimolazione data dal vaccino). Vi risultano casi simili? So che al Bambin Gesù di Roma vi è un team che studia gli effetti avversi del vaccino. Potrei avere un contatto? Avreste altri esami di accertamento da consigliare? Grazie saluti.
Elena Bozzola
Elena Bozzola

Gentile signora, il monitoraggio della sicurezza dei vaccini dopo la loro immissione in commercio è un’attività strategica della farmacovigilanza, che si propone di raccogliere informazioni di sicurezza sul campo ai fini di un aggiornamento continuo del profilo beneficio-rischio dei singoli vaccini. In base al rapporto AIFA pubblicato il 9 febbraio, il vaccino anti COVID 19 a mRNA è risultato efficace e sicuro. Ciò non significa che non si possano verificare reazioni avverse, come del resto può accadere con qualsiasi vaccino. In base al report, si tratta per lo più reazioni locali quali il dolore nella sede di iniezione, l’arrossamento e la tumefazione. Tra le reazioni sistemiche, le più frequenti sono state stanchezza e cefalea, seguite da dolore muscolare, febbre, brividi, diarrea, dolore articolare, vomito. La maggior parte delle reazioni, sia locali sia sistemiche, è stata di intensità lieve o moderata, è insorta 1-2 giorni dopo la vaccinazione e si è risolta entro 1-2 giorni. Reazioni locali o sistemiche lievi non rappresentano una controindicazione a ricevere la seconda dose di vaccino. La temperatura corporea di ognuno di noi può oscillare durante la giornata, con rilevazioni diverse tra giorno e sera. Gli esami a cui il bambino è stato sottoposto mostrano un emocromo normale, indici di infezione (PCR e VES) nella norma, valori questi che non sembrano deporre per una eziologia infettiva. Pertanto, in primo luogo consiglio innanzitutto di contattare il Pediatra Curante per una visita e per valutare l’ opportunità di approfondire la causa alla base del malessere, organica o non, anche alla luce di eventuali altri sintomi associati. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti