Fertilità e alimentazione: c’è nesso?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 04/08/2020 Aggiornato il 04/08/2020

Un'alimentazione scorretta, che causa sovrappeso, può determinare la produzione di ovociti non idonei alla fecondazione. Raggiungere il peso ideale è d'aiuto per la fertilità.

Una domanda di: Rosy
Salve a circa 5 mesi che cerchiamo di avere un figlio ma niente. Il mio compagno ha una bambina, noi proviamo e riproviamo ma niente mi potete dare
qualche consiglio per l’alimentazione. Grazie.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
è vero che c’è una forte relazione tra infertilità e alimentazione, nel senso che una donna che segue una dieta scorretta, a causa della quale si
trova in una condizione di sovrappeso, è esposta al rischio di ovulare male, cioè di produrre ovociti non idonei alla fecondazione. Posto questo, penso
che lei comprenda che non riferendomi assolutamente nulla di lei, cioè né età né peso né eventuali risultati di controlli effettuati né caratteristiche del suo ciclo mestruale non posso dirle niente di più. Le ricordo solo di cominciare ad assumere fin da subito l’acido folico, per la prevenzione della spina bifida del feto. L’assunzione deve protrarsi fino almeno al termine del primo trimestre di gravidanza, salvo diversa indicazione del medico curante. La dose è di 400 microgrammi al giorno (1 compressa), lontano da the e latticini.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti