Feto che cresce poco in 24ma settimana: cosa si deve fare?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 20/10/2021 Aggiornato il 20/10/2021

Un ritardo nella crescita del bambino, riscontrato nel secondo trimestre, rende opportuno tenere la gravidanza monitorata con estrema attenzione.

Una domanda di: Chiara
Gentile professoressa,
in riferimento alla sua risposta alla mia precedente email vorrei gentilmente chiedere una precisazione. Cosa si intende per:
“considerare con prudenza un ritardo di crescita a 24 settimane”?
Grazie molte.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, la crescita del feto in utero è supportata dalla placenta che gli invia nutrienti ed ossigeno. Nella prima metà della gravidanza, la placenta raggiunge la sua piena crescita e, come dimensioni, è più grande del feto. Dopo la 24° settimana circa, la situazione si inverte e, mentre la placenta smette di crescere e inizia un processo di maturazione che prosegue fino al termine della gravidanza e le consentirà di sostenere lo sviluppo del feto, questo inizia a crescere in modo esponenziale, fino al termine. Per questo motivo la maggior parte dei ritardi di crescita avvengono nel terzo trimestre, se la placenta fatica a soddisfare le esigenze del feto. Quando un ritardo di crescita compare già dalla 24° settimana, può significare che un certo squilibrio sia già iniziato e la situazione dovrebbe essere monitorata con attenzione. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti