Feto che cresce poco in 24ma settimana: cosa si deve fare?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 20/10/2021 Aggiornato il 20/10/2021

Un ritardo nella crescita del bambino, riscontrato nel secondo trimestre, rende opportuno tenere la gravidanza monitorata con estrema attenzione.

Una domanda di: Chiara
Gentile professoressa,
in riferimento alla sua risposta alla mia precedente email vorrei gentilmente chiedere una precisazione. Cosa si intende per:
“considerare con prudenza un ritardo di crescita a 24 settimane”?
Grazie molte.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, la crescita del feto in utero è supportata dalla placenta che gli invia nutrienti ed ossigeno. Nella prima metà della gravidanza, la placenta raggiunge la sua piena crescita e, come dimensioni, è più grande del feto. Dopo la 24° settimana circa, la situazione si inverte e, mentre la placenta smette di crescere e inizia un processo di maturazione che prosegue fino al termine della gravidanza e le consentirà di sostenere lo sviluppo del feto, questo inizia a crescere in modo esponenziale, fino al termine. Per questo motivo la maggior parte dei ritardi di crescita avvengono nel terzo trimestre, se la placenta fatica a soddisfare le esigenze del feto. Quando un ritardo di crescita compare già dalla 24° settimana, può significare che un certo squilibrio sia già iniziato e la situazione dovrebbe essere monitorata con attenzione. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti