Feto con dilatazione dei bacinetti renali: c’è da preoccuparsi?

Dottor Mario Mancini A cura di Dottor Mario Mancini Pubblicato il 12/06/2020 Aggiornato il 12/06/2020

La presenza di un restringimento del condotto che collega i reni all'uretere si rileva abbastanza di frequente durante la vita prenatale. E spesso si risolve nel primo anno di vita.

Una domanda di: Valentina
Ho 33 anni e sono alla mia terza gravidanza. Ho effettuato un’ecografia premorfologica a 15+3 settimane. Tutto nella norma DBP 31 mm, CC 114 mm, CA 96.5 mm femore 16 omero 16.3 mm ma è stata riscontrata un dilatazione persistente dei bacinetti renali di 0.47 e 0.48 cm con aumento del diametro Ap della vescica. Ho effettuato il Prenatalsafe3 per le trisonomie con risultato negativo Come dovrò comportarmi? Il feto potrebbe avere delle sofferenze per questi bacinetti dilatati? Che ne potrebbero compromettere la vita? O potrei stare tranquilla e godermi la gravidanza fino alla nascita con qualche controllo in più? Grazie per la risposta.
Mario Mancini
Mario Mancini

Gentile signora,
la dilatazione dei bacinetti renali è un fenomeno abbastanza comune nel feto. È attribuito alla presenza di un restringimento del condotto che collega i reni all’uretere. Nella maggioranza dei casi va incontro a risoluzione spontanea nel primo anno di vita per cui non si deve preoccupare. Il momento più importante è comunque dopo la nascita, quando il rene comincia la sua funzione. Dovrà essere controllato con ecografia e, se nei mesi successivi la dilatazione dovesse apparire peggiorata, è necessario effettuare un controllo con la scintigrafia. Raramente si deve ricorrere ad un intervento di plastica del giunto che risolve il problema senza conseguenze per la salute del bambino. Quindi può attendere in totale tranquillità l’evoluzione della gravidanza. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta: riuscirò ad avere un bambino?

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per quanto strano possa sembrare, un aborto spontaneo, anche se rappresneta un evento dolorosa, comprova che la coppia riesce a concepire, quindi è fertile.   »

Sangue rosso vivo a un mese dal parto

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le lochiazioni non preoccupano se sono costituite da sangue, ma solo se diventano maleodoranti o troppo abbondanti.  »

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

Fai la tua domanda agli specialisti