Feto con la testina piccola: c’è da preoccuparsi?

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 07/01/2023 Aggiornato il 07/01/2023

Si può parlare di "microcefalia", ossia di una reale anomalia della circonferenza cranica quando quest'ultima è al di sotto del 3° centile.

Una domanda di: Sara
Dall’ecografia di accrescimento fatta a 31+4 mi sono preoccupata perché il bimbo è stato sempre sul 40° percentile e invece li è risultato al 18. La dottoressa ha detto di essere ai limiti inferiori ma niente di più che la flussimetria va bene e che noi genitori siamo piccolini. La cosa che mi preoccupa di più è la testa che risulta una settimana indietro al 3° percentile (allego foto misure). Rifatta eco dopo 18 giorni a 34+2 il feto risulta al 25° percentile ma sempre la testa al 3° percentile o al 10° percentile secondo le tabelle intergrowh 21: in 18 giorni è cresciuta da 275 mm a 298 mm. La ginecologa dice di non preoccuparsi che è la costituzione piccola come noi considerando che io sono nata di 2,6 kg sono alta 1,55 e la mia testa attuale è di 52 cm mentre mio marito è nato di 3,2 kg, è alto 1,65 e ha la testa di 57 cm. Io ho paura della microcefalia ma secondo la ginecologa non mi dovrei preoccupare e ormai manca poco alla nascita e non c’è bisogno di approfondire.
Elsa Viora
Elsa Viora

Gentile Sara, innanzitutto è necessario ricordare che, in linea generale, si parla di “microcefalia” quando la misura della circonferenza cranica è inferiore al 3° centile per l’età gestazionale, ma poi bisogna fare una valutazione complessiva con le altre misure e la situazione clinica. Nel suo caso le misure del diametro biparietale (BPD) e della circonferenza cranica a 31 settimane erano nella norma (superiori al 5° centile). Non vedo le misure a 35 settimane, ma bisogna anche tener conto che talvolta non si riesce a prendere la scansione ideale perche la testa del bimbo è già in basso. Credo che sia opportuno ascoltare quanto la sua dottoressa le ha detto e stare tranquilla. Mi dia notizie, con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti