Feto piccolo nel secondo trimestre di gravidanza

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 26/03/2024 Aggiornato il 26/03/2024

Se dall'ecografia della 22^ settimana il feto risulta al 30mo centile, è opportuno rivolgersi a un centro di secondo o terzo livello per approfondimenti.

Una domanda di: Maria
Sono in gravidanza ufficialmente oggi a 22 settimane + 1 giorno.
Fin dalla prima ecografia il feto è sempre risultato di 5 giorni indietro, in effetti io avevo monitorato l’ovulazione con gli stick ed il picco era stato 5 giorni dopo quello presunto.
La ginecologa però non ha mai voluto ridatarmi la data dell’ultima mestruazione perché il ritardo non superava la settimana.
Tutto ok fino a quando il 6 marzo ho effettuato l’ecografia morfologica (ero ufficialmente a 20 + 1 ma in teoria a 19 + 3).
Tutte le misure che sono state prese sono state quindi confrontate con la 21^ settimana di gravidanza, ed è risultato il bambino al 30° percentile (vi allego le misurazioni).
La dottoressa mi ha quindi detto che risulta essere inferiore alla media, e mi ha prescritto una flussimetria.
Mi chiedo, quindi, se fossi stata ridatata e quindi le misure fossero state prese in riferimento alla 20^ settimana, avrei avuto dei valori più vicini alla norma? Vi chiedo di sciogliermi questo dubbio. Grazie mille.

Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Maria,
un buon ecografista con in mano tutte le ecografie è in grado di identificare l’epoca gestazionale corretta e quindi dare un’opinione su un accrescimento fetale che adesso risulta al trentesimo centile.
Vanno prese in considerazione anche storia riproduttiva, peso dei precedenti bambini se vi sono stati parti pregressi, altezza dei genitori, comunque un ritardo dello sviluppo endouterino così precoce si osserva raramente e se si confermasse deve afferire a un centro di secondo o terzo livello per procedure diagnostiche che si utilizzano per capire l’origine di questo limitato sviluppo fetale e seguire poi la gravidanza nel miglior modo possibile. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti