Feto più piccolo rispetto all’atteso nel secondo trimestre di gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 04/03/2024 Aggiornato il 04/03/2024

Se chi effettua l'ecografia ritiene che le misure del feto, pur modeste, non destino preoccupazione ma nonostante questo non si è tranquille può essere opportuno richiedere un secondo parere, anche solo per dissipare i propri dubbi.

Una domanda di: Lidia
Salve dottoressa, ho 39 anni e sono alla terza gravidanza dopo due aborti spontanei (precoci, il primo a 9 settimane + 1 giorno, il secondo intorno all’ottava settimana). Adesso sono a 21 settimane + 3 giorni e due giorni fa ho fatto la morfologica. Tutto a posto, crescita armonica, ma la bambina risulta più piccola, come può vedere dal referto che allego: sembra essere una settimana indietro. Il ginecologo mi ha detto di non preoccuparmi e ha fissato un’altra visita tra circa due settimane e mezzo per verificare che continui a crescere. Io, però, sono comunque molto preoccupata. Ho visto che dalle ecografie precedenti la bimba aveva cominciato ad accumulare qualche giorno di ritardo (prima due, poi tre, fino alla settimana; per via degli aborti precedenti ho fatto molte ecografie fino a questo momento, più o meno ogni due settimane). Il ginecologo mi ha anche detto che potrei aver ovulato più tardi, ma alla traslucenza la crescita era in linea perfetta (anzi, ero un giorno avanti). Segnalo poi che ho un grosso fibroma sottosieroso e un utero arcuato (sembrerebbe solo leggermente). Potrebbero esserci problemi legati a un cattivo funzionamento di placenta, o dei flussi? Non penso che queste cose siano state controllate, il dottore non mi ha detto niente e non mi pare che compaiano nel referto. Sono molto scoraggiata, vorrei cercare di capire bene la situazione per essere sicura di fare tutto quello che è necessario (magari rivolgendomi a un centro specializzato). Grazie mille.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, guardi…se ci fossero stati dei sospetti sulla crescita fetale il ginecologo non l’avrebbe rimandata per la prossima ecografia a 30-32 settimane ma le avrebbe certamente indicato un controllo più ravvicinato.
Per parte mia, le posso dire che le singole misure della sua bimba sono nei limiti della normalità.
Quello che fa la differenza è l’andamento di queste misure nel tempo. Se le misure seguono la curva di crescita prevista, non ci preoccupiamo.
Diverso se da una curva al 50° centile passiamo al 10° centile o meno. Per completezza, le faccio allegare nella email con cui la redazione le segnalerà la mia risposta le curve di crescita fetale dei principali parametri (BPD ossia diametro biparietale, CC ossia circonferenza cranica, CA o circonferenza addominale e FL o lunghezza femorale) così si rende conto anche lei di quel che a parole può sembrare astratto. Se la 30^ settimana di gravidanza dovesse sembrarle troppo lontana, potrebbe valer la pena ripetere un controllo ecografico (il famoso secondo parere) purché effettuato a distanza di almeno due settimane dall’ecografia morfologica, in modo da poter valutare in modo corretto la crescita fetale.
Il fibroma è voluminoso ma se si tratta di fibroma sottosieroso rimane esterno rispetto alla cavità uterina e non mi aspetto che le causi contrazioni premature e men che meno che possa interferire con la crescita fetale.
Tenga infine presente che i nostri figli ci assomigliano: magari provi a risalire al suo peso alla nascita, inoltre le femmine sono a volte più minute dei maschi…occorre valutare tutti i fattori! Immagino lei non fumi e non stia facendo esercizio fisico intenso…giusto? Spero di averla rassicurata, comunque se qualcosa la tiene sulle spine meglio indagare e togliersi il pensiero…in gravidanza come dopo la nascita…l’importante è che la mamma sia serena!
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti