Figli a rischio per chi ha la Dandy-Walker?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 26/08/2019 Aggiornato il 26/08/2019

In caso di sindrome di Dandy-Walker è necessario sottooporsi a consulenza genetica prenatale allo scopo di ottenere una valutazione del rischio di avere figli colpiti da anomalie.

Una domanda di: Alessandro
Chi è nato con la sindrome di Dandy Walker lui può avere dei figli normali oppure i suoi figli avranno problemi? E’ possibile avere rassicurazioni in tal senso?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve e mi perdoni per il ritardo con cui le rispondo…ho cercato di documentarmi meglio sulla sindrome di Dandy Walker, per poterle essere di aiuto.
La causa della maggior parte dei casi di Dandy Walker rimane ignota.
Si pensa che la maggior parte dei casi sia dovuta a una combinazione di fattori genetici e ambientali che interferiscono con lo sviluppo precoce prenatale.
In alcuni casi la malattia è isolata, in altri si associa a sindromi genetiche sottostanti.
La maggior parte dei casi di Dandy-Walker sono sporadici, ossia insorgono in persone che non hanno una storia familiare per questa patologia. Una piccola percentuale di persone con questa patologia presenta altri familiari affetti, ma non è chiara la modalità di trasmissione. Sembra che il rischio di ricorrenza nei fratelli sia compreso tra 1 e 5%.
Quando invece la malattia è causata da una sindrome genetica sottostante, la possibilità di trasmissione ai membri della famiglia dipende dal comportamento della sindrome genetica stessa.
Sicuramente chi è colpito dalla sindrome necessita di una vera e propria consulenza genetica e di un’anamnesi personale e familiare accurata.
A questo proposito mi sento di suggerirle due possibili strade alternative alla consulenza tradizionale a tu per tu (che personalmente sarebbe la preferibile, per quanto magari penalizzata da una lunga attesa).
La prima è quella del Filo Rosso genetico di Varese che risponde a quesiti telefonici il Lunedì e Giovedì dalle 12.00 alle 16.00 Tel. 0332-217100
La seconda è quella del portale https://www.netmedi.care/medici-online dove è possibile richiedere una consulenza genetica, a patto che sia il diretto interessato a farlo.
Spero di esserle stata di aiuto, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti