Filetto di maiale affumicato: c’è rischio di toxoplasmosi?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 15/09/2020 Aggiornato il 15/09/2020

L'assunzione di carni crude espone al rischio di sviluppare la toxoplasmosi, quindi impone di effettuare indagini mirate per valutare lo stato immunitario.

Una domanda di: Miriana
A cena fuori in un ristorante mi è capitato, per sbaglio, di mangiare del filetto di maiale affumicato, in quantità minime per fortuna. Solo dopo mi sono resa conto che per il rischio di toxoplasmosi non è indicato. Ora sono spaventata e vorrei sapere a che rischi vado incontro.
Sono a 11 settimane di gravidanza, grazie.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, il rischio di infezione da toxoplasmosi è legato agli alimenti in particolare alle carni crude, ai salumi insaccati, alle verdure crude non lavate bene. Veicolo dell’infezione sono inoltre gli escrementi dei gatti, il cui intestino è il serbatoio naturale della malattia. L’aver assunto un prodotto affumicato riduce ma non esclude totalmente il rischio, pertanto per poter meglio conoscere la situazione e necessario che lei effettui il dosaggio delle immunoglobuline G e delle immunoglobuline M per il toxoplasma Gondi in modo da verificare oggi il suo stato immunitario e qualora risulti non affetta dalla malattia ripeterlo nel corso della gravidanza. Del resto è questo che devono fare tutte le gravide che non hanno fatto questa malattia, allo scopo di verificare che lo stato immunitario non si modifichi. Qualora risultasse una malattia in corso è necessario effettuare un test di avidità, esame che consente di datare l’infezione e di definire il rischio malformativo della stessa. In ogni caso la rassicuro in quanto l’infezione è gestibile con una terapia nel corso della gravidanza, riducendo di gran lungo il rischio malformativo indotto dall’infezione. Contatti quindi il suo specialista di fiducia per procedere a questi approfondimenti in modo da verificare il suo stato immunitario. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti