Fimosi in un bimbo di 9 anni: che fare in attesa dell’intervento?

Dottoressa Alessia Bertocchini A cura di Dottoressa Alessia Bertocchini Pubblicato il 18/03/2021 Aggiornato il 18/03/2021

L'applicazione di una crema al cortisone aiuta a mantenere la pelle del prepuzio morbida ed elastica, scongiurando il rischio che la minzione diventi difficoltosa.

Una domanda di: Valentina
Gentile dottoressa,
intanto grazie per tutto quello che fa per noi lettori: le sue risposte sono sempre chiare e utili.
Ho un bambino di 9 anni con una fimosi in peggioramento: da qualche giorno ha bruciore al glande e al prepuzio e l’orifizio sul glande è quasi chiuso. Il pediatra ritiene che sia urgente farlo visitare da un chirurgo pediatra, ma il mio secondo bambino è risultato positivo al tampone per CoVid quindi anche lui ora è in quarantena e non può essere portato in ospedale. le chiedo per favore se c’è qualcosa che io possa fare per tamponare la situazione mentre attendiamo la fine della quarantena. C’è un olio speciale che possiamo utilizzare per ammorbidire la parte? Conviene che continui a muovere lievemente la pelle all’indietro mentre è immerso nell’acqua della vasca? E’ opportuno usare una crema al cortisone per contenere l’infiammazione che credo si sia sviluppata in quanto ha bruciore? La ringrazio.
Dottoressa Alessia Bertocchini
Dottoressa Alessia Bertocchini

Gentile signora,
per la fimosi serrata occorre un piccolo intervento chirurgico, tuttavia adesso non è possibile perché il bimbo è in quarantena. L’urgenza ora è quella di garantirci che il bambino urini regolarmente, senza la necessità di spingere troppo ottenendo un getto goccia a goccia in quanto questa eventualità può esporre al rischio di infezioni delle vie urinarie. Userei una crema a base di cortisone, da applicare sul prepuzio distale attraverso un lieve massaggio e una dolce ginnastica prepuziale. La crema cortisonica riesce a favorire l’elasticità della pelle, favorendo una minzione regolare e consentendo un’igiene locale corretta. Questo in attesa di essere visto dal chirurgo pediatra, a cui spetterà l’ultima parola sull’opportunità dell’interrvento e su quando eventualmente effettuarlo. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti