Fontanella chiusa alla nascita: c’è da preoccuparsi?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 08/06/2020 Aggiornato il 08/06/2020

Nel caso in cui un bimbo nasca con la fontenella completamente chiusa, ai genitori vengono date indicazioni sul da farsi al momento della dimissione dall'ospedale.

Una domanda di: Caush
Mia nipote è nata con la fontanella chiusa e mia sorella è molto preoccupata. Cosa comporta per la bambina, è una cosa seria.? Siamo tutti ansiosi: cosa succederà in futuro?
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
la fontanella anteriore dovrebbe potersi apprezzare come piccola superficie di consistenza molle rispetto alle restanti parti delle ossa della testa. Quando si dice fontanella chiusa, è possibile che si tratti di fontanella molto piccola, poco apprezzabile dalle dita del medico che la esplora dall’esterno. Penso che i neonatologi del punto nascita le abbiano dato delle indicazioni. In genere si tratta di tenere sotto controllo la crescita della testa mediante misurazione della circonferenza cranica per non avere microcefalia – testa che non si sviluppa regolarmente ma rimane piccola- da parte del pediatra di famiglia, di osservare se la testa non presenti delle anomalie di forma (allungamenti o protrusioni laterali).
Se ci fosse una vera e propria craniostenosi, la neonata dovrebbe essere indagata con TAC e valutata dal chirurgo maxillo faciale per eventuale intervento di tomia (incisione, taglio) in sede di suture, per evitare che le ossa della testa impediscano al cervello di espandersi.
Ripeto, se ci fossero dei dubbi importanti, gli stessi neonatologi avrebbero già indicato a voi familiari le vie da seguire a livello specialistico. Non avrebbero certo dimesso la bambina senza darvi precise indicazioni sul da farsi. Vi consiglio dunque di confrontarvi con il pediatra curante, che potrà seguire nel migliore dei modi l’evolversi della situazione. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta: riuscirò ad avere un bambino?

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per quanto strano possa sembrare, un aborto spontaneo, anche se rappresneta un evento dolorosa, comprova che la coppia riesce a concepire, quindi è fertile.   »

Sangue rosso vivo a un mese dal parto

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le lochiazioni non preoccupano se sono costituite da sangue, ma solo se diventano maleodoranti o troppo abbondanti.  »

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

Fai la tua domanda agli specialisti