Forno a microonde: è pericoloso per il feto?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 19/03/2023 Aggiornato il 19/03/2023

In gravidanza si può utilizzare il forno a microonde (purché non danneggiato) senza che questo esponga il bambino a rischi.

Una domanda di: Romina
Buonasera dottore, Sono alla 15 settimana di gravidanza. Premetto che non uso di continuo il forno a microonde ma ogni tanto o per riscaldare il latte o determinati alimenti per accelerare i tempi sì, quasi ogni giorno. Ora mi è sorta la domanda se essendo in gravidanza, questo comporti un possibile pericolo per il mio bimbo. Attendendo sua gentile risposta. Le auguro buon lavoro e una buona serata.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Romina, l’utilizzo di forni a microonde (se gli apparecchi non sono danneggiati e l’impiego è corretto) non è associato a un aumento dei rischi per lo sviluppo dell’embrione e del feto. I forni sono costruiti con schermature che evitano la dispersione all’esterno delle onde elettromagnetiche, se non in minime quantità. È sufficiente mantenere una distanza di pochi centimetri (circa 5) da un forno a microonde in funzione affinché l’esposizione alle onde elettromagnetiche possa essere considerata trascurabile. Con cordialità. Cordiali saluti,

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti