Forte tosse secca in gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 27/12/2022 Aggiornato il 10/01/2023

In gravidanza la tosse deve essere assolutamente controllata, perché gli accessi possono provocare contrazioni dell'utero. Le cure fortunatamente ci sono e possono essere seguite senza rischi.

Una domanda di: Pamela
Sono stata due giorni in ospedale per forte Influenza tosse secca e dolori al basso ventre. Sono incinta da 10 +5 di amenorrea. La ginecologa al farmi la visita con l’ecografia mi ha segnalato che il bambino si trova in basso rispetto allá normale posizione, quindi mi ha detto che in qualsiasi momento il suo cuore potrebbe smettere di battere ma che lei non aveva una sfera mágica per confermarlo! Che potrebbe succedere come no! E di stare tranquilla ma che lei dovevano avvertirmi, Io sono molto in ansia e preoccupata mi hanno mandato a stare a casa e riposo per 10 giorni, preciso non ho perdite di nessun tipo! Posso avere speranza che tutto si risolva?!? Grazie mille.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, nemmeno io ho la sfera di cristallo però mi sembra molto importante sottolineare che il suo bimbo si trova in basso perché lei ha avuto parecchia tosse e questo continuo tossire ha facilmente provocato delle contrazioni uterine premature (dolori al basso ventre come li ha descritti lei). Quindi a mio avviso è importante curare la sua tosse in modo adeguato. In gravidanza si possono: – usare sciroppi per calmare la tosse, evitando quelli contenenti Codeina o Destrometorfano (io di solito propendo per quelli a base di miele ed erbe) – utilizzare l’aerosol con il cortisonico (beclometasone) – fare i fumenti o suffumigi (con sedocalcio oppure bicarbonato in polvere) – assumere il Fluimucil (serve a sciogliere il catarro, ad ammorbidire la tosse) – giova anche la vitamina C (spremute di agrumi, kiwi oppure in compresse) Veramente importante per ammorbidire la tosse è cercare di idratarsi abbondantemente (spremute, centrifugati, tisane, brodi…d’inverno immagino l’acqua fresca non le faccia gola). Come mi piace ripetere: il bimbo sta bene se sta bene la mamma! Lei si riguardi e non abbia timore che il suo piccolo ospite non mancherà di darle grandi soddisfazioni alla prossima ecografia di controllo! Spero di averla rasserenata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti