Frutta a due mesi e mezzo?

Dottoressa Rosa Lenoci A cura di Dottoressa Rosa Lenoci Pubblicato il 28/05/2018 Aggiornato il 31/07/2018

Nei primi mesi di vita, non è utile ma anzi può essere dannoso inserire alimenti diversi dal latte. Secondo l'OMS lo svezzamento andrebbe iniziato dopo il sesto mese di vita.

Una domanda di: Amorelia
Ciao, sono mamma di una bambina di 2 mesi e mezzo. È nata 3090 grammi e ora, a
72 giorni di distanza, pesa 4.750 grammi circa circa ed è alta 55 centimetri contro i 49
alla nascita. Il pediatra dice che è un po’ poco e che devo insistere
con l’allattamento al seno. L’unico problema è che la bimba non si
attacca molto volentieri, pur avendo latte sufficiente e poter quindi
bere senza troppa fatica. Ho provato a tirare il latte e proporglielo
col biberon ma lo rifiuta; stessa cosa ha fatto con il latte formulato
che ho provato una volta per vedere se lo gradiva di più. Il
ciuccio ormai non lo prende più e sono preoccupata per l’aumento di
peso. La mia domanda è questa: posso iniziare verso i 3 mesi con un
po’ di frutta o qualche pappa per vedere se introducendo qualche nuovo
sapore ha più voglia di poppare oppure rischio solo di farle venire
qualche mal di pancia o indigestione?
Rosa Lenoci
Rosa Lenoci

Cara signora,
il latte materno è l’alimento più completo per la sua bimba, contiene
tutto quello di cui lei ha bisogno e sarà così per altri mesi,
soprattutto se prodotto in quantità sufficiente, come nel suo caso.
Aggiungere nuovi sapori non invoglierà la poppata, anzi potrebbe essere
controproducente, a parte che comunque è troppo presto.
L’intestino della bimba non è ancora pronto per lo svezzamento,
bisognerà aspettare ancora qualche mese: l’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) consiglia dopo il sesto
mese di vita.
Inoltre l’aggiunta di piccole quantità di frutta non rappresenta dal
punto di vista nutrizionale un buon guadagno, visto che si traduce
essenzialmente in zuccheri e fibra.
Provi a capire se il motivo del rifiuto sia imputabile ad altre cause,
per esempio il sapore del suo latte per la presenza nella sua
alimentazione di aglio, cipolla, spezie ecc. oppure mal d’orecchio o mal
di gola.
Il pediatra le ha dato un ottimo consiglio, insista con l’allattamento
al seno. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fimosi dei maschietti: agire con cautela e cognizione di causa è d’obbligo!

04/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Paradossalmente può essere la manovra che a volte si esegue per favorire lo scorrimento del prepuzio sopra il glande a ostacolare la risoluzione spontanea della fimosi, quindi a peggiorarla.  »

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti