Fugace contatto immediatamente dopo la fine delle mestruazioni: posso essere incinta?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 19/10/2022 Aggiornato il 25/11/2022

Concepire un bambino richiede che vengano soddisfatte irrinunciabilmente due condizioni. Se anche una delle due manca la gravidanza non può iniziare.

Una domanda di: Roberta
Buongiorno e grazie mille per questa piattaforma. Premetto che non ho tanta esperienza e sono abbastanza ansiosa. Circa due settimane fa, esattamente il giorno dopo la fine delle mie mestruazioni, ho fatto petting (da nudi) per qualche minuto con il mio ragazzo che però è venuto molto dopo e lontano da me. Vado nello specifico: i nostri genitali sono stati a contatto per qualche minuto ma senza penetrazione. Volevo chiedere se nonostante questo secondo voi c’è un rischio di gravidanza poiché c’è stato quel contatto. Sono un po’ preoccupata perché ho paura ci sia magari stata qualche fuoriuscita di liquido nonostante non ci sia stata alcuna penetrazione ed eiaculazione e ripeto lui è venuto molto dopo, eravamo proprio all’inizio di tutto l’atto. Vi ringrazio per la disponibilità.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile Roberta, per concepire un bambino è necessario che gli spermatozoi entrino in vagina e da qui risalgano fino alle tube, dove avviene l’incontro tra uno di essi e l’ovocita femminile. Per concepire occorre dunque che siano soddisfatte due condizioni. La prima è che la donna sia nel periodo fertile, che si protrae per circa sei giorni: i cinque giorni che precedono l’ovulazione e il giorno dell’ovulazione, che è l’unico in cui il concepimento può avvenire. La seconda condizione è che almeno uno spermatozoo vitale incontri l’ovocita. Il periodo fertile dura sei giorni nonostante il concepimento possa avvenire solo nelle 24 ore circa in cui l’ovocita femminile viene a trovarsi nelle tube perché a partire dai cinque giorni precedenti avviene la produzione del muco fertile, una secrezione di aspetto e consistenza simile alla chiara dell’uovo che, se il rapporto sessuale libero si verifica, mantiene gli spermatozoi vivi e vitali fino all’ovulazione. Allo stesso tempo, gli spermatozoi protetti dal muco fertile possono sopravvivere nell’apparato genitale femminile cinque-sei giorni (ma anche fino a sette). Non credo che il vostro incontro sessuale abbia potuto determinare l’inizio di una gravidanza, mi pare che non esistano le condizioni perché questo sia avvenuto, tuttavia nel caso in cui le prossime mestruazioni fossero in ritardo solo per sicurezza effettui il test di gravidanza (basta quello sulle urine). Direi comunque che può stare tranquilla. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti