Gemellini: in uno dei due c’è qualcosa che non va?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/07/2018 Aggiornato il 18/07/2018

Non è la regola che i gemelli abbiano sempre e comunque identici atteggiamenti, quindi non ci si deve preoccupare se uno dei due guarda un po' meno la mamma.

Una domanda di: Helia
Sono mamma di due gemelli nati a 29 settimane, che ora hanno 9 mesi. Quando parlo
con uno dei due, l’altro tende a guardarmi per pochi secondi: ho notato questa
particolarità solo in uno dei due gemelli. Devo preoccuparmi? Può essere un segnale di autismo?

Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma,
non deve attendersi che i suoi bambini per il fatto di essere gemelli compiano gli stessi identici gesti e si comportino sempre allo steso modo. perché questo non avviene come regola né deve essere considerata una discriminante per stabilire se ci sono o non ci sono problemi. Tenga presente invece che spesso i gemelli agiscono in modo intercambiabile, sostituendosi l’uno con l’altro, demandandosi reciprocamente le azioni: per uno o per tutti e due basta che sia uno a guardare la mamma per sentirsi tranquilli. In ogni caso, non è certo quello che descrive un’avvisaglia di autismo. I primi segni, che comunque possono non evidenziarsi prima dei 12 mesi (o anche molto più in là), sono rappresentati dalla totale estraneità del bambino nei confronti dell’ambiente: il piccolo non ride, non tende le mani per essere preso in braccio, non reagisce ai suoni è irritabile (quasi scontroso), non sorride alla mamma, non si rallegra quando arriva, ha un pianto di difficile interpretazione. Ma anche in presenza di simili comportamenti nulla autorizza i genitori a ipotizzare l’autismo, per la diagnosi del quale occorre uno specialista in neuropsichiatria infantile. Ma da questo specialista si viene indirizzati dal pediatra di famiglia a cui spetta per primo valutare certi atteggiamenti che preoccupano la mamma per poi stabilire se possono avere un fondamento. Cara mamma, il mio consiglio è di stare più che tranquilla e di godersi i suoi due piccini, scacciando ogni fantasma: avere gemelli è un’esperienza faticosissima ma altrettanto straordinaria, lo comprenderà sempre più profondamente con il passare dei giorni e delle settimane. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti