Quando una bimba si sente un bimbo

Professor Giovanni Porta A cura di Professor Giovanni Porta Pubblicato il 12/12/2017 Aggiornato il 01/08/2018

Il modo di essere di una persona dipende sempre da una complessa interazione tra genetica e ambiente. Per quanto riguarda la sessualità, essa viene oggi considerata sempre di più come un gradiente, ovvero in base a una scala costituita da diversi gradi.

Una domanda di: Due genitori disorientati
Caro Professore,
Ho una bimba di sette anni che si sente un maschio. E’ la figlia di mezzo: prima c’è un’altra bambina, poi un maschietto, con cui ha due anni di differenza. E’ molto legata a entrambi. Tutto è cominciato intorno ai tre anni, con il rifiuto delle gonnelline e di quanto in qualche modo caratterizza l’appartenenza al genere femminile. Ora si veste solo come un maschio, si atteggia come un maschio e a scuola è una tragedia perché si mescola ai compagni, ignorando le altre bambine. Non avevo mai sentito parlare del fenomeno dei bambini transgender e invece ora devo affrontarlo. La mia domanda è: esiste una componente genetica in questo o è solo colpa nostra? Cosa dobbiamo/possiamo fare? Il pediatra dice di assecondarla e che poi si vedrà…. Ho sentito parlare di cure ormonali per tramutare il genere di appartenenza fin da bambini: chi potrebbe consigliarci al riguardo?
Mi aiuti la prego, a capire….

Giovanni Porta
Giovanni Porta

Cari genitori,
il modo in cui ogni persona si manifesta, sia per quanto riguarda gli aspetti fisici che quelli comportamentali, dipende sempre da una complessa interazione tra genetica e ambiente. Per quanto riguarda la sessualità, essa viene oggi considerata sempre di più come un gradiente, ovvero in base a una scala costituita da diversi gradi. Questo riguarda anche gli aspetti comportamentali legati alla sessualità: non esiste semplicemente un orientamento maschile e uno femminile, ma ognuno di noi si colloca su un gradino di una scala che va da un estremo all’altro.
In relazione al vostro caso non si può giungere ad alcuna conclusione in merito all’orientamento sessuale di una bambina tanto piccola, ancora in fase prepuberale. Come consiglia giustamente il pediatra, occorre attendere qualche anno: dopo il bombardamento ormonale che accompagna l’adolescenza potremo dire di più sulla manifestazione degli aspetti sessuali in vostra figlia. Per quanto di mia competenza, mi esprimo in senso fortemente contrario a qualsiasi trattamento medico condotto al fine di influenzare l’orientamento sessuale di un bambino. Per quanto riguarda come gestire la situazione è consigliabile confrontarsi ancora con il pediatra per essere eventualmente indirizzati da uno psicoterapeuta. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti