Genitori di gruppo 0, figlie gemelle di gruppo A

Dottoressa Faustina Lalatta A cura di Dottoressa Faustina Lalatta Pubblicato il 13/11/2023 Aggiornato il 13/11/2023

Quando si osserva una discrepanza tra il gruppo sanguigno dei genitori e quello dei figli, se la gravidanza si è avviata grazie a PMA è opportuno rivolgersi per chiarimenti al ginecologo responsabile della procedura.

Una domanda di: Massimo
Buongiorno,
il mio gruppo sanguigno è 0 positivo, mia moglie è 0 positivo e abbiamo 3 figlie gemelle: una è A positivo, una è A negativo, la terza non so. Chiedo qualche informazione al riguardo. Grazie.
Faustina Lalatta
Faustina Lalatta

Gentile signor Massimo,
non comprendo, dalle sue poche parole, quale sia il quesito.
La gravidanza trigemina è un’assoluta rarità nella specie umana, cioè si osserva in una gestazione ogni 10.000.
In generale è molto più frequente tra le gravidanze ottenute con tecniche di fecondazione assistita, dove può giungere, a seconda delle procedure utilizzate, anche a 1/500 o 1/800.
Pertanto, qualora la vostra coppia abbia seguito un percorso di PMA le suggerisco, prima di ogni altro ragionamento, di rivolgersi al ginecologo responsabile e presentare i dati completi e scritti (tesserini) dei diversi gruppi del sangue.
Questa è sempre una buona norma quando si desidera approfondire una eventuale discrepanza tra gruppo sanguigno dei genitori e gruppo sanguigno dei figli e si hanno dati molto approssimativi o incompleti.
Nel caso di gravidanza trigemina naturale è molto importante conoscere il numero delle placente, cioè se per esempio due gemelli siano tra loro geneticamente uguali oppure no. E ricostruire come sia avvenuto il concepimento.
Non posso aggiungere altro.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti