Cefalea in gravidanza

Chirurgo Filippo Murina A cura di Chirurgo Filippo Murina Pubblicato il 24/12/2012 Aggiornato il 04/08/2018

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: daniela
Buongiorno dottore, soffro di emicrania cronica ma mi piacerebbe tanto avere un bambino. Volevo sapere due cose: se in gravidanza peggiora e in caso di bisogno quali farmaci posso assumere oltre al paracetamolo che, per la cronicità del problema, non mi fa più effetto. Grazie

Gentile Sig.ra, non è raro che l'emicrania in gravidanza possa subire una deflessione nel numero degli episodi; ciononostante l'assunzione di farmaci deve essere ridotta, almeno per le prime 12 settimane di gestazione. Il paracetamolo è il farmaco di riferimento, ma occasionalmente si può anche assumere la nimesulide. Non sono indicati i triptani, se non in particolari situazioni.
Cordiali saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti