Cefalea in gravidanza

Chirurgo Filippo Murina A cura di Chirurgo Filippo Murina Pubblicato il 24/12/2012 Aggiornato il 04/08/2018

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: daniela
Buongiorno dottore, soffro di emicrania cronica ma mi piacerebbe tanto avere un bambino. Volevo sapere due cose: se in gravidanza peggiora e in caso di bisogno quali farmaci posso assumere oltre al paracetamolo che, per la cronicità del problema, non mi fa più effetto. Grazie

Gentile Sig.ra, non è raro che l'emicrania in gravidanza possa subire una deflessione nel numero degli episodi; ciononostante l'assunzione di farmaci deve essere ridotta, almeno per le prime 12 settimane di gestazione. Il paracetamolo è il farmaco di riferimento, ma occasionalmente si può anche assumere la nimesulide. Non sono indicati i triptani, se non in particolari situazioni.
Cordiali saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti