gigi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/04/2012 Aggiornato il 22/04/2012

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: gigi
Buongiorno dottore,

mia figlia di 14 anni non ha ancora fatto il vaccino contro il papilloma
virus. In prossimità delle vacaze vorrei farglielo fare. Mi sa spiegare nel
dettaglio che tipo di malattia è e se consiglia anche lei il vaccino? Ci
sono effetti collaterali? Ho sentito dire che è stata lanciata una campagna
per la vaccinazione gratutita ma non so in che città o Regione.

La ringrazio per la sua cortese risposta

L'infezione da papilloma virus è oggi considerata una delle maggiori cause di alterazioni cellulari del collo dell'utero e della vagina.
Con l'introduzione del vaccino si intende effettuare una profilassi per ridurre il rischio di infezione e indirettamente il rischio di sviluppare quelle alterazioni che potrebbero portare all'insorgenza del tumore del collo dell'utero .
Il vaccino è consigliato a 12 o 16 anni . in quasi tutte le regioni italiane è attivato su invito del SSN .
Consiste nella iniezione di tre dosi di frammenti proteici virali che determinano nella persona vaccinata una reazione immunitaria in grado di difendersi dall'infezione in vivo.
In alcune regioni se la bambina è al fuori dalla fascia di età prevista è possibile effettuare il vaccino in co-payment ovvero con una quota a carico dell'utente .

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti