incremento dei tagli cesarei

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/08/2012 Aggiornato il 30/08/2012

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: stella
Buongiorno dottore, ultimamente mi sono informata sulla crescita di cesarei nel sud. Mio figlio è nato con un parto cesareo con quasi due settimane di ritardo. C'erano tutte le condizioni per fare un parto naturale, tranne i dolori, ma mi hanno detto che non c'era altra scelta. Non ne sono convinta e vorrei una sua opinione. Grazie

Gentile Signora, i dati a disposizione non permettono certo una valutazione nel merito. Riesce a fornirmi ulteriori indicazioni? Grazie mille

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti