Medicinale contro Endometriosi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/07/2013 Aggiornato il 29/07/2013

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: anto72
Ho letto la notizia del farmaco messo a punto per sconfiggere i sintomi dell'endometriosi. Trattandosi comunque di un progestinico, che differenza c'è rispetto al Primolut che mia sorella sta assumendo da 2 anni a questa parte, con problematiche in termini di rilevante ritenzione idrica, pesantezza alle gambe, annullamento del desiderio sessuale, demineralizzazione ossea (lei è già affetta da significativa osteopenia per i suoi 36 anni)? Grazie.

Carissima, recentemente è stato introdotto un nuovo principio attivo, dienogest, che ha come indicazione la terapia dell'endometriosi. Si dovranno aspettare i risultati nel tempo di tale terapia, ma la sostanziale differenza è dovuta alla minore presenza di effetti legati alla carenza di estrogeni.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Placenta vicina all’OUI: potrebbe allontanarsi?

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel corso della gravidanza la placenta può spostarsi dall'orifizio uterino in quanto l'utero gradualmente si distende in lungo e in largo  »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti