Medicinale contro Endometriosi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/07/2013 Aggiornato il 29/07/2013

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: anto72
Ho letto la notizia del farmaco messo a punto per sconfiggere i sintomi dell'endometriosi. Trattandosi comunque di un progestinico, che differenza c'è rispetto al Primolut che mia sorella sta assumendo da 2 anni a questa parte, con problematiche in termini di rilevante ritenzione idrica, pesantezza alle gambe, annullamento del desiderio sessuale, demineralizzazione ossea (lei è già affetta da significativa osteopenia per i suoi 36 anni)? Grazie.

Carissima, recentemente è stato introdotto un nuovo principio attivo, dienogest, che ha come indicazione la terapia dell'endometriosi. Si dovranno aspettare i risultati nel tempo di tale terapia, ma la sostanziale differenza è dovuta alla minore presenza di effetti legati alla carenza di estrogeni.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti