piera

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/06/2012 Aggiornato il 13/06/2012

Risponde: Dottor Lucio Palmiero

Una domanda di: piera
Il mio bimbo di 2 anni e 8 mesi ha i "piedi piatti". Cosa conviene fare?

Gentile Lettrice, il piede è una complessa struttura ad archi, una trasversa anteriore e due longitudinali mediale e laterale. Il piede piatto costituisce un'anomalia caratterizzata dalla riduzione dell'arco plantare. Il collasso della volta plantare può essere dovuto a cause congenite o acquisite
Nel bambino si distinguono principalmente 2 forme cliniche: il piede lasso infantile, in cui il trattamento conservativo (plantari e fisioterapia) può aver successo, e il piede piatto genetico evolutivo che si accompagna a valgismo del calcagno (si porta verso l'esterno), che talora richiede una soluzione chirurgica.
Un bambino andrebbe valutato intorno ai tre anni, perché spesso si è di fronte a un falso piattismo per la presenza del corpo adiposo plantare.
Faccia controllare, senza allarmismi, il Suo bimbo dal pediatra e/o da un ortopedico di fiducia.
Cordiali saluti
Lucio Palmiero

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti