piera

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/06/2012 Aggiornato il 13/06/2012

Risponde: Dottor Lucio Palmiero

Una domanda di: piera
Il mio bimbo di 2 anni e 8 mesi ha i "piedi piatti". Cosa conviene fare?

Gentile Lettrice, il piede è una complessa struttura ad archi, una trasversa anteriore e due longitudinali mediale e laterale. Il piede piatto costituisce un'anomalia caratterizzata dalla riduzione dell'arco plantare. Il collasso della volta plantare può essere dovuto a cause congenite o acquisite
Nel bambino si distinguono principalmente 2 forme cliniche: il piede lasso infantile, in cui il trattamento conservativo (plantari e fisioterapia) può aver successo, e il piede piatto genetico evolutivo che si accompagna a valgismo del calcagno (si porta verso l'esterno), che talora richiede una soluzione chirurgica.
Un bambino andrebbe valutato intorno ai tre anni, perché spesso si è di fronte a un falso piattismo per la presenza del corpo adiposo plantare.
Faccia controllare, senza allarmismi, il Suo bimbo dal pediatra e/o da un ortopedico di fiducia.
Cordiali saluti
Lucio Palmiero

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti