Rettocele di secondo grado

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/09/2014 Aggiornato il 12/02/2015

Alla visita di controllo dal ginecologo mi è stato riscontrato un rettocele di secondo grado. Ho avuto due figli... Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: Ruggera
Alla visita di controllo dal ginecologo mi è stato riscontrato un
rettocele di secondo grado. Ho avuto due figli, l’ultimo due anni fa, e ho 43
anni. Di che cosa si tratta? Dovrò essere operata? Grazie

Cara signora,
Il rettocele rappresenta una comune situazione legata al cambiamento della anatomia del perineo con coinvolgimento della parete posteriore della vagina (contigua al retto) e di molte strutture muscolo tendinee del pavimento pelvico.
L’indicazione o meno ad un intervento è valutabile solo direttamente. In linea di principio è legata all’entità del suo disturbo.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti