Ansia dopo l’ecografia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/01/2018 Aggiornato il 29/01/2018

Lo specialista che effettua i controlli nei nove mesi di gravidanza è tenuto a comunicare se c'è qualcosa che non va. Se non dice nulla in merito significa che non c'è da preoccuparsi.

Una domanda di: Anna
Buonasera,
Ho 41 anni e sono al sesto mese di gravidanza.
Stamane ho fatto una ecografia per vedere lo stato della bimba, stasera confrontando l ‘ esame con la morfologica del mese scorso, ho notato che il trigono è 5.1 rispetto al mese precedente che era 6.3. Volevo sapere se è normale ? Deve calare man mano che cresce ?
In attesa di una sua risposta.
Cordiali saluti!
In fede
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile Anna, la sua domanda (a cui ovviamente risponderò) mi solleva un interrogativo: ma come è possibile che chi le ha eseguito l’esame non si sia espresso in merito a quanto ha visto? Il medico che effettua le ecografie ha il dovere di comunicare se qualcosa non va, mi sembra veramente strano che le abbia comunicato un dettaglio così tecnico senza aggiungere nulla. Intendo dire che se ci fosse stato qualcosa di anomalo glielo avrebbe detto di sicuro, sarebbe stato obbligato a farlo. Se non ha parlato, se è stato sbrigativo, se l’ha caricata di ansia forse le conviene cambiare ginecologo. Comunque sia, quanto è stato rilevato non è un dato negativo, il problema potrebbe essere nel caso contrario, ovvero se ci fosse un aumento eccessivo della dimensione del trigono (che è una porzione dei ventricoli cerebrali). Oltretutto la differenza tra le due misure (quella precedente e quella attuale) è davvero minima. La invito dunque a stare tranquilla, ma anche a sollecitare una maggiore comunicazione da parte del medico che la segue, per non tornare a casa dopo i controlli spaventata invece che rasserenata, come dovrebbe essere quando non vengono rilevate anomalie. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti