ary80

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/07/2012 Aggiornato il 02/07/2012

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: ary80
Salve dottore, volevo porle un quesito per me molto
imbarazzante. Ormai sono tre anni che ho partorito, ma purtroppo continua a succedermi di avere delle perdite di urina in caso di tosse o di starnuto. Ho esposto il mio problema al ginecologo il quale sosteneva che con il tempo la situazione si sarebbe risolta e invece
non è stato così. Certo, succede ogni tanto, però è piuttosto
imbarazzante. Cosa mi consiglia di fare? La ringrazio

Gentile Sig.ra,
dopo un parto per via vaginale è frequente che vi siano problemi legati all'incontinenza urinaria, ciò è sovente legato a rilassamento della muscolatura pelvica, con un conseguente abbassamento della vescica. In questi casi esercizi di rinforzo muscolare possono essere molto utili.
Saluti
Murina

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti