Calipso [uid:1380]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/03/2013 Aggiornato il 15/03/2013

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: Calipso
Buonasera dottore, sono una ragazza di 22 anni e ho avuto il mio primo figlio 5 anni fa. In gravidanza ho preso 27 chili e non sono ancora riuscita a perderli tutti. Ora sono nuovamente in "dolce attesa" e non voglio fare gli stessi errori. Sono di 25 settimane e ho preso già 11 chili. Non so come fare per riuscire a non ingrassare troppo. Non mi sembra di mangiare in maniera spropositata, eppure… qualcosa sbaglio! Mi aiuti! Per avere una risposta mirata le comunico i miei dati: altezza 1,65 m e, prima di questa seconda gravidanza, pesavo 70 chili. Grazie anticipatamente

Gentile signora, un elevato incremento di peso in gravidanza può avere molte origini e va limitato in quanto può associarsi a problemi al momento del parto. La prima cosa da escludere è un diabete gestazionale, che per gli squilibri metabolici a esso associati induce un importante aumento di peso della madre e del feto. Molto utile è affidarsi a una consulenza dietologica che costruirà un programma nutrizionale personalizzato.
Tanti saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti