Calipso [uid:1380]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/03/2013 Aggiornato il 15/03/2013

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: Calipso
Buonasera dottore, sono una ragazza di 22 anni e ho avuto il mio primo figlio 5 anni fa. In gravidanza ho preso 27 chili e non sono ancora riuscita a perderli tutti. Ora sono nuovamente in "dolce attesa" e non voglio fare gli stessi errori. Sono di 25 settimane e ho preso già 11 chili. Non so come fare per riuscire a non ingrassare troppo. Non mi sembra di mangiare in maniera spropositata, eppure… qualcosa sbaglio! Mi aiuti! Per avere una risposta mirata le comunico i miei dati: altezza 1,65 m e, prima di questa seconda gravidanza, pesavo 70 chili. Grazie anticipatamente

Gentile signora, un elevato incremento di peso in gravidanza può avere molte origini e va limitato in quanto può associarsi a problemi al momento del parto. La prima cosa da escludere è un diabete gestazionale, che per gli squilibri metabolici a esso associati induce un importante aumento di peso della madre e del feto. Molto utile è affidarsi a una consulenza dietologica che costruirà un programma nutrizionale personalizzato.
Tanti saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti