apina [uid:90]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/12/2012 Aggiornato il 20/12/2012

Risponde: Dottor Lucio Palmiero

Una domanda di: apina
Gentile dottore,
una mia carissima amica, di quasi 40 anni, è in angoscia perché ha saputo da poco di essere incinta ma teme che la sua ernia del disco unita a un forte sovrappeso possano compromettere l'esito della gravidanza. Non avendo avuto il coraggio di scriverle, lo faccio io al posto suo, sperando di poterla rasserenare con le sue notizie.

Gentile signora, che intercede per la Sua amica, la patologia discale ha un substrato genetico, nel senso della familiarità dell'affezione ed è più frequente nel "giovane" adulto che nell'anziano per fenomeni di disidratazione che colpiscono l'intero disco che è notoriamente un ammortizzatore, soprattutto con il suo cuscinetto idrostatico che è il nucleo polposo. Tranquillizzi la Sua amica sulla gravidanza in corso, consigliandole, in accordo con il ginecologo curante e in assenza di altre controindicazioni, un'attività fisica moderata e un uso corretto, anche da un punto di vista ergonomico, della sua schiena.
Con un peso anteriore è anche vero che la muscolatura antigravitaria della colonna in virtù della leva sfavorevole possa dolere, e comunque questo prescinde dalla presenza dell'ernia di cui andrebbe conosciuto il livello e lo stadio.
La gioia della maternità è peraltro superiore a qualche potenziale rischio.
Vivissimi auguri
Lucio Palmiero

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti