BICETTA [uid:3493]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/02/2013 Aggiornato il 07/02/2013

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: BICETTA
Buonasera dottore. Ho 29 anni e sono alla 29ma settimana di gravidanza. Ho fatto l'esame "curva da carico di glucosio" e ho riscontrato i seguenti valori: 1° prelievo 84, 2° prelievo 146, 3° prelievo 126. Il mio ginecologo mi ha consigliato una consulenza diabetistica, ma secondo il mio medico di base i valori non sono così allarmanti. Secondo lei devo davvero sottopormi a una consulenza o basterebbero piccoli accorgimenti per migliorare questi valori? Quali accorgimenti alimentari mi consiglierebbe considerando che non faccio largo consumo di dolci e zuccheri vari? Grazie per la sua disponibilità.

Gentile signora, i valori della curva glicemica sono normali.
La necessità di una restrizione dietetica dipende da alcuni fattori:
– peso della gestante, in particolare l'indice di massa corporea;
– precedenti bambini con peso elevato alla nascita (>4000 g);
– feto con alto percentile di crescita.

Saluti
Murina

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti