Controlli in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/04/2013 Aggiornato il 15/04/2013

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: gioia
Buongiorno, sono incinta di 30 settimane e 3 giorni; durante l'ultima visita ginecologica il mio medico mi ha detto che l'atrio destro della mia piccola è più grande dell'atrio sinistro (precisamente 16 mm l'atrio destro e 12,50 mm l'atrio sinistro). Non risultano a oggi altre complicanze cardiache. Quello che vorrei sapere, in base alle mie settimane di gestazione, sono i limiti delle misure dell'atrio. Nel caso venissero "superati" a quali rischi si va incontro? Spero di essere stata sufficientemente chiara… La ringrazio.

Gentile signora, la variazione nella misura ecografica dei due atri non è molto elevata, e comunque non è associata ad altre alterazioni cardiache proprie di malformazioni congenite; pertanto è verosimile che si tratti di una variante fisiologica. Le consiglio un'ecocardiografia fetale in un centro di II livello.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti