Controlli in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/01/2013 Aggiornato il 07/01/2013

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: patty974
Buongiorno, sono Patty, ho 38 anni e incinta del secondo bebè da circa 2 mesi e mezzo. Sono infermiera e il mio lavoro mi porta a stare sempre in piedi. Da circa 3 settimane ho dolori pelvici e piccole perdite sporadiche. La ginecologa dopo un'ecografia mi ha prescritto l'urinocoltura e il tampone vagino-cervicale e riposo assoluto per 7 giorni. Non è un po' rischioso il tampone? Scusi la domanda, ma in gravidanza mi vengono anche i dubbi più stupidi. Grazie per il tempo a me dedicato.

Gentile signora, stia tranquilla, l'esecuzione del tampone vaginale non comporta alcun rischio per l'evoluzione della sua gravidanza. Saluti, Murina

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti