Diagnosi pre natale

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/03/2013 Aggiornato il 26/03/2013

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: Danielle
Salve, sono alla settima settimana di gestazione e le chiedo un parere sull'amniocentesi.
Ho 35 anni e nessun problema genetico nelle nostre famiglie. Ho già avuto una gravidanza regolare nonostante mi abbiano riscontrato un utero setto. Ora ho già prenotato bi-test e amniocentesi. Vorrei sapere se il bi-test è sufficiente per riscontrare eventuali anomalie genetiche. La ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti.

Gentile signora, la diagnosi prenatale in assenza di patologie genetiche specifiche prevede, per la ricerca dei rischi legati alla sola età materna, la diagnosi non invasiva (test integrato). Qualora si evidenzi un incremento di rischio, può essere utile effettuare una diagnosi invasiva con l'amniocentesi. In tal senso, anche le linee guida del ministero della Salute sono molto utili.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti