Doppler

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/07/2013 Aggiornato il 13/07/2013

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: manu.mt
Salve, io sono alla 22+1, la settimana scorsa ho fatto la morfologica
all'ospedale: nei commenti trovo scritto "RI medio a. uterine elevato per
l'epoca gestazionale con presenza di NOTCH a sinistra. Profilo flussimetrico
fetale nella norma".
Ne ho parlato con il mio ginecologo, il quale molto semplicemente ha detto:
prendi una cardiaspirina 100 al giorno. Vorrei un suo parere in
merito. Saluti e grazie

Carissima, i dati riportati rappresentano solo un modo per descrivere come circola il sangue tra la mamma e il bambino. Quando il passaggio tende a ridursi per facilitare il flusso può essere indicato assumere la cardioaspirina per rendere più fluido il sangue. In situazioni di questo tipo risulta talvolta utile ripetere nel tempo il controllo ecografico per verificare la regolare crescita del feto e controllare la pressione materna perché qualche volta può aumentare. Auguroni!

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti