minaccia di parto pretermine

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/07/2013 Aggiornato il 30/07/2013

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: LAIRA'79
Buongiorno, mi chiamo Laira e sono alla 24a settimana di gravidanza. La mia piccolina da tre settimane a questa parte mi ha schiacciato l'utero (ora è di 2.8 cm). Sono ovviamente sotto cure mediche tra ovuli e riposo per non incentivare le contrazioni uterine. Può immaginare che paura, anche perché è la mia prima gravidanza. Posso stare serena o devo temere per la piccola e per me? È vero che una volta raggiunta la 30-31 settimana è tutto meno pericoloso? In più, ho delle perdite lievi e appiccicose, ma penso che sia l'effetto dei farmaci che prendo. Grazie per l'attenzione

Carissima, la minaccia di parto pretermine è una situazione clinica che deve essere valutata direttamente, pertanto in presenza di sintomi è bene avvisare il ginecologo curante o in sua assenza rivolgersi a centri specialisti ospedalieri di II livello.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fimosi del prepuzio in bimbo di sei anni: che fare?

15/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Se la pelle che ricopre il glande è serrata, è opportuno che il bambino impari, dopo il bagno o la doccia, a tirarla dolcemente all'indietro, fermandosi quando avverte dolore. La manovra, se effettuata regolarmente con mano leggera, può servire.   »

Streptococco B: quale cura?

01/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Lo streptococco B individuato in vagina non va curato in modo specifico. Solo al momento del parto rende opportuna la profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti