problemi vari

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/09/2012 Aggiornato il 10/09/2012

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: sciù
Buongiorno, sono alla nona settimana di gravidanza, posso avere rapporti sessuali? Volevo anche chiederle: ho l'influenza e dato che il mio ginecologo è in ferie vorrei sapere che medicinali posso prendere. Ho la febbre non più alta di 37,3, mal di gola e raffreddore.
Grazie

Gentile signora, per quel che riguarda il sesso, se non sono presenti controindicazioni (minaccia di aborto) non ci sono particolari problemi, ma si ricordi che nel liquido seminale sono presenti delle sostanze (prostaglandine) che possono provocare contrazioni. Per l'ipertermia (febbre) 37,3 in gravidanza non rappresenta uno stato febbrile. Per il mal gola e il raffreddore il paracetamolo può essere utile; se persistono i sintomi contatti il medico curante.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti