Ridatazione ecografica

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/08/2012 Aggiornato il 09/08/2012

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: laurale
Gentile dottore, ho fatto il test di gravidanza l'11 luglio con esito positivo. La seconda ecografia, effettuata il 7 agosto dalla mia ginecologa, ha rilevato una discrepanza fra il tempo calcolato dall'ultima mestruazione (1° giugno) e le dimensioni dell'embrione, di circa 3 settimane. Subito abbiamo pensato che ci fosse qualcosa che non andava… ma ho
il presentimento che nel mese di giugno io abbia avuto uno slittamento dell'ovulazione a causa di una fisiologica perdita di peso (già in passato mi è capitato altre volte): è possibile avere l'ovulazione 20-25 gg dopo il mestruo? In caso affermativo per programmare correttamente i controlli del protocollo regionale come si riparametrano i tempi della gestazione? È giusto basarsi unicamente sulle dimensione dell'embrione?

Cara signora, ha descritto molto bene uno degli aspetti della gravidanza iniziale.
Generalmente il ciclo ovarico di 28 giorni prevede l'ovulazione intorno al 14° giorno (in coincidenza con il concepimento). Talvolta l'ovulazione avviene con una settimana o più di ritardo rispetto al momento atteso e pertanto il concepimento avviene in un momento diverso. A gravidanza iniziata, la misura ecografica dell'embrione permette di datare la gravidanza stessa, in quanto la misura valuta la reale crescita biologica dell'embrione.
Da questo momento si parla quindi di datazione ecografica con un'epoca presunta del parto che non potrà più essere modificata e che detterà il calendario successivo.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti