test di gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/10/2013 Aggiornato il 14/10/2013

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: patrizia
Salve dottore,
le scrivo per avere un consiglio. Sono al mio quinto giorno di ritardo, stamattina ho fatto il test di gravidanza, ma ha avuto esito negativo. Sono un po' preoccupata perché in 15 anni sono sempre stata un "orologio svizzero", ho avuto al massimo 2 giorni di ritardo. La mia domanda è: quanto devo aspettare per fare un altro test di gravidanza? Potrebbe essere utile andare a fare le analisi del sangue in quanto più sicure o mi darebbero lo stesso risultato del test delle urine? Grazie per l'attenzione.

Carissima, il test di gravidanza talvolta può non essere subito positivo, talvolta può essere utiile ripeterlo dopo sette giorni.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fimosi del prepuzio in bimbo di sei anni: che fare?

15/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Se la pelle che ricopre il glande è serrata, è opportuno che il bambino impari, dopo il bagno o la doccia, a tirarla dolcemente all'indietro, fermandosi quando avverte dolore. La manovra, se effettuata regolarmente con mano leggera, può servire.   »

Streptococco B: quale cura?

01/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Lo streptococco B individuato in vagina non va curato in modo specifico. Solo al momento del parto rende opportuna la profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti