Fattori trombofilici

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/01/2013 Aggiornato il 14/01/2013

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: soniagiada
Salve dottore, ho letto il messaggio che mi ha mandato e vorrei spiegarle la situazione: ho una bambina di 2 anni e dopo ho avuto due aborti, il primo era gemellare alla undicesima settimana e l'altro alla nona settimana. Adesso, dopo i risultati degli esami che ho fatto, vorrei riprovarci ma ho paura che mi succeda di nuovo. Il mio dottore dice che non c'è bisogno che prenda niente prima di rimanere incinta, mi ha prescritto soltanto delle bustine di inofert dicendomi che dal test positivo inizierò a prendere anche la cardioaspirina. Vorrei un suo parere.

Gentile signora, riprendendo il discorso, l'uso della cardioasa mi sembra una scelta assolutamente corretta.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti