fertilità

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/07/2012 Aggiornato il 24/07/2012

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: rosydefovea
Buongiorno dottore, sono una donna di 42 anni, ho due ragazzi di 14 e 10 anni, sono separata e ho un nuovo compagno di vita. Lui ha 36 anni non ha mai avuto bimbi. La domanda
esce spontanea ed evidente, anche se in parte conosco la risposta ovviamente,
ma desideriamo avere un figlio. Ci stiamo provando e io puntualmente ho il
ciclo regolare ogni 24-28 giorni. Ci amiamo tanto e questo mi angoscia perché io
desidero con tutta me stessa questa gravidanza che non arriva !

Gentile signora, potrebbe essere utile verificare il liquido seminale del suo partner per essere sicuri che non vi sia un fattore maschile.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti