Fertilità

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/07/2013 Aggiornato il 03/07/2013

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: pasquale letizia
Salve. Mi chiamo Tiziana, ho 37 anni e una bimba di 7 anni. Io e mio marito abbiamo deciso di avere un altro bimbo. Ci stiamo provando da maggio, ma il ciclo è arrivato l'11 maggio ed è finito il 18 maggio, poi mi è arrivato il 16 giugno ed è finito il 23 giugno e fino al 27 abbiamo avuto rapporti completi. Dal 29 giugno mi fanno male i capezzoli, mi sento un po' strana… Mi può dare un consiglio? La ringrazio

Gentile signora, in una donna con un ciclo di 28 giorni circa, l'ovulazione avviene intorno al 12°-14° giorno dall'inizio dell'ultima mestruazione. Pertanto, in base ai suoi conti, è verosimile che si trovi in fase ovulatoria, cosa che può giustificare le sue "sensazioni". Ovviamente tutto può variare con cicli di lunghezza differente. Saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti