Fertilità

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/07/2013 Aggiornato il 03/07/2013

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: pasquale letizia
Salve. Mi chiamo Tiziana, ho 37 anni e una bimba di 7 anni. Io e mio marito abbiamo deciso di avere un altro bimbo. Ci stiamo provando da maggio, ma il ciclo è arrivato l'11 maggio ed è finito il 18 maggio, poi mi è arrivato il 16 giugno ed è finito il 23 giugno e fino al 27 abbiamo avuto rapporti completi. Dal 29 giugno mi fanno male i capezzoli, mi sento un po' strana… Mi può dare un consiglio? La ringrazio

Gentile signora, in una donna con un ciclo di 28 giorni circa, l'ovulazione avviene intorno al 12°-14° giorno dall'inizio dell'ultima mestruazione. Pertanto, in base ai suoi conti, è verosimile che si trovi in fase ovulatoria, cosa che può giustificare le sue "sensazioni". Ovviamente tutto può variare con cicli di lunghezza differente. Saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti