Pillola del g dopo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/01/2013 Aggiornato il 30/01/2013

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: sofy87sss@libero.it
Il 7 gennaio ho avuto il ciclo, dal 18 al 21 gennaio ho avuto parecchi rapporti completi con il mio ragazzo in quanto eravamo sicuri che il medico mi avrebbe prescritto Norlevo. Mi sono recata ieri (un pò troppo tardi direi…) dal mio medico per farmi appunto prescrivere Norlevo ma, non essendo possibile prenderla in quanto erano trascorsi già 4 giorni dall'eiaculazione, ho chiesto se poteva prescrivermi Ellaone. Il medico si è opposto e mi ha detto che rischio di andare incontro a malattie gravi avendomi precedentemente già prescritto Norlevo per almeno gli ultimi cinque mesi per una volta al mese… Mi ha anche detto che dovrei fare delle analisi del sangue per prescrivermi la pillola anticoncezionale: pt, ptt, at III, emocromo completo, glicemia, colesterolo totale, bilirubina totale e frazionata, trigliceridi. Ho effettuato ieri il test di gravidanza con esito negativo (nessuna gravidanza). Secondo lei potrebbe essere rischioso prendere la pillola anticoncezionale dopo aver effettuato le analisi? E poi, si può evincere dall'esito delle analisi sopra elencate se sono in attesa o meno? Mi dia una mano, ho seriamente paura di tutto.

Gentile signora, data la situazione da lei descritta, le consiglio di fare un test di gravidanza se non arriva il ciclo mestruale. Vale la pena poi decidere un metodo contraccettivo da usare in maniera idonea alle sue esigenze. La contraccezione post-coito è sempre da considerarsi di emergenza e non un metodo di routine. Contatti il suo ginecologo per una più approfondita informazione.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti