Pillola del g dopo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/01/2013 Aggiornato il 30/01/2013

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: sofy87sss@libero.it
Il 7 gennaio ho avuto il ciclo, dal 18 al 21 gennaio ho avuto parecchi rapporti completi con il mio ragazzo in quanto eravamo sicuri che il medico mi avrebbe prescritto Norlevo. Mi sono recata ieri (un pò troppo tardi direi…) dal mio medico per farmi appunto prescrivere Norlevo ma, non essendo possibile prenderla in quanto erano trascorsi già 4 giorni dall'eiaculazione, ho chiesto se poteva prescrivermi Ellaone. Il medico si è opposto e mi ha detto che rischio di andare incontro a malattie gravi avendomi precedentemente già prescritto Norlevo per almeno gli ultimi cinque mesi per una volta al mese… Mi ha anche detto che dovrei fare delle analisi del sangue per prescrivermi la pillola anticoncezionale: pt, ptt, at III, emocromo completo, glicemia, colesterolo totale, bilirubina totale e frazionata, trigliceridi. Ho effettuato ieri il test di gravidanza con esito negativo (nessuna gravidanza). Secondo lei potrebbe essere rischioso prendere la pillola anticoncezionale dopo aver effettuato le analisi? E poi, si può evincere dall'esito delle analisi sopra elencate se sono in attesa o meno? Mi dia una mano, ho seriamente paura di tutto.

Gentile signora, data la situazione da lei descritta, le consiglio di fare un test di gravidanza se non arriva il ciclo mestruale. Vale la pena poi decidere un metodo contraccettivo da usare in maniera idonea alle sue esigenze. La contraccezione post-coito è sempre da considerarsi di emergenza e non un metodo di routine. Contatti il suo ginecologo per una più approfondita informazione.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti