Ipotiroidismo e concepimento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/12/2017 Aggiornato il 12/12/2017

Se il dosaggio dell'Eutirox, preparato che si deve assumere quando la tiroide lavora poco, è corretto è senz'altro possibile dare inizio a una gravidanza.

Una domanda di: Maria
Salve,
ho avuto un rapporto non protetto qualche giorno subito dopo il ciclo…si
può rimanere in attesa? Sono una ragazza di 30 anni con una
bimba e ho scoperto di avere la tiroide
più di 10 anni fa. Prendo l’ eutirox. Io e mio marito
stiamo provando ad avere un altro
bambino ma non ci riusciamo: può essere
dovuto dalla tiroide?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora,
la sua domanda mi ha fatto sorridere perché tutti abbiamo la tiroide, non solo lei!
Lei ha un problema di cattivo funzionamento di questa ghiandola importante anche per la fertilità, cioè è interessata da un ipotiroidismo che, per fortuna, si può correggere abbastanza facilmente assumendo Eutirox nel giusto dosaggio. Non mi ha precisato quanto farmaco stia assumendo né quale sia il suo peso corporeo o il valore dell’ultimo dosaggio del TSH (ossia l’ormone che regola la tiroide e che aumenta se funziona troppo poco, mentre si azzera in caso di ipertiroidismo ossia se funziona troppo)…Immagino però abbia un endocrinologo di fiducia!
Tuttavia, anche il ginecologo è chiamato in causa a vegliare sulla salute e il buon funzionamento della tiroide, perché da questa dipende (tra le altre cose) il buon funzionamento delle ovaie e persino il buon andamento della gravidanza. Il mio consiglio è quello di effettuare un dosaggio del TSH (a meno che sia stato effettuato di recente) per controllare lo stato attuale della sua tiroide ed eventualmente correggere il dosaggio della terapia con Eutirox. Se cerca il concepimento, è utile assumere acido folico (1 compressa da 400 microgrammi al giorno solitamente è raccomandata per tutta la ricerca della gravidanza e fino almeno al termine del primo trimestre) e, se ha già avuto una bimba, tenga presente che dal punto di vista medico lei è certamente fertile e che anzi la sua fertilità è stata “potenziata” da quella prima gravidanza, motivo per cui io sarei fiduciosa sul fatto che il vostro desiderio non tarderà a concretizzarsi.
Sui giorni fertili non riesco ad essere esaustiva in modo sintetico ma le confermo che anche i giorni successivi alle mestruazioni possono portare ad un concepimento…addirittura sembra più probabile che possano portare ad un concepimento di bambine in quanto gli spermatozoi portatori del cromosoma X (quello che determina il sesso femminile) sono meno veloci ma più resistenti rispetto a quelli che portano il cromosoma Y (che determina invece il sesso maschile)…ma questa è un’altra storia…
Spero di averla rincuorata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti