Ipotiroidismo e ricerca della gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/01/2018 Aggiornato il 02/01/2018

Se l'ipotiroidismo è ben controllato mediante una terapia adeguata, è certamente possibile dare inizio a una gravidanza. A patto, però, che non vi siano altri problemi che interferiscono con la fertilità.

Una domanda di: Carmen
Sono una donna di 30 anni con una bimba di 19 mesi, avuta subito dopo essermi sposata. Ora io e mio marito vorremmo un altro bimbo, ma io soffro di ipotiroidismo (gozzo di Hashimoto) e prendo l’ Eutirox tutti i giorni, potrebbe essere questa la ragione per cui non riesco a rimanere incinta?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora Carmen e auguri per il nuovo anno appena iniziato!
Immagino che l’esperienza con la prima bimba sia stata molto positiva, dal momento che siete già desiderosi di un secondo figlio…vedrete che sarete premiati!
In effetti alcune patologie della tiroide possono essere motivo di irregolarità del ciclo mestruale e anche di ridotta fertilità ma mi sento di tranquillizzarla che un ipotiroidismo in terapia con la dose corretta di Eutirox (ossia la Levotiroxina, ormone tiroideo in sostituzione a quello che la sua tiroide probabilmente non riesce a produrre in quantitativo adeguato) non dovrebbe proprio essere motivo di infertilità. La cosa importante, sicuramente, è effettuare delle regolari visite di controllo endocrinologiche (o presso il suo medico di medicina generale, se finora ha gestito lui la sua terapia) e monitorare tramite prelievo ematico il TSH (ossia l’ormone stimolante la tiroide) per verificare che il dosaggio della terapia sia sempre adeguato.
Può essere utile effettuare una visita ginecologica di controllo, eventualmente con Pap Test ed ecografia pelvica, per controllare che “vada tutto bene” anche dal nostro punto di vista.
Infine, le ricordo che per chi cerca la gravidanza è raccomandata l’assunzione di acido folico 1 compressa da 400 microgrammi al giorno da ora e almeno per tutto il primo trimestre di gravidanza.
Speriamo di sentirci presto con buone notizie! Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti