Mestruazioni in ritardo: si era spostata l’ovulazione?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 03/12/2017 Aggiornato il 26/10/2022

E' possibile che le mestruazioni tardino perché l'ovulazione è avvenuta più avanti rispetto alla data ideale (circa a metà ciclo).

Una domanda di: Marta
Gentile Dottor Brambilla, grazie per la risposta. Il ciclo è iniziato ieri, dopo 7 giorni di ritardo. Potrebbe essersi trattato di un’ovulazione ritardata? La ringrazio molto per il supporto.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara Marta, innanzitutto una precisazione: il ciclo non arriva sempre ogni 28 giorni. Si considerano normali cicli che durano da 26 giorni a un massimo di 34 giorni. Oltre questo tempo si può cominciare a parlare di un disturbo del ciclo mestruale. Se il ciclo ritarda una sola volta non c’è da preoccuparsi. Nel caso in cui il problema si verifichi più volte nel tempo, allora vale la pena fare una valutazione attraverso una visita dal proprio ginecologo, per appurarne le ragioni. Premesso questo, la sua ipotesi è corretta: il ciclo può arrivare in ritardo perché l’ovulazione è avvenuta più avanti rispetto alla data ideale, che in genere corrisponde a metà del ciclo, inteso come arco di tempo tra l’inizio di una mestruazione e l’inizio di quella successiva. Il punto è: per quale ragione l’ovulazione ha ritardato? I motivi possibili sono tanti e tra questi ci sono le diete scorrette (troppe calorie o troppo poche, mancanza di varietà, scarsità di alcuni principi nutritivi essenziali), le importanti variazioni di peso (in più o in meno), i bruschi cambiamenti che hanno comportato un importante accumulo di stress, lo svolgimento di un’attività fisica troppo intensa, l’assunzione di farmaci, l’abuso di alcol o di sigarette…Le ripeto comunque che un’irregolarità mestruale che si verifica saltuariamente non è significativa, ma se dovesse ripetersi le consiglio di sottoporsi a un controllo dal ginecologo. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti