monicanoemi [uid:1073]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/08/2012 Aggiornato il 03/08/2012

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: monicanoemi
Salve dottore, sono una mamma di 32 anni con due figli
nati con parto cesareo; la prima per posizione podalica, il secondo per
pregresso cesareo. I cesarei li ho avuti rispettivamente nel 2006 e nel 2010
e precedentemente nel 2004 ho dovuto subire un raschiamento perché alla nona
settimana di gravidanza ho avuto un aborto interno. Io e mio marito vorremmo
avere un terzo figlio, ma siamo un po' titubanti perché questo per me sarebbe
il terzo cesareo e non sappiamo se possa creare problemi e in realtà quanto
sia rischioso. Alla fine della gravidanza del mio secondo figlio ho avuto
anche un forte rialzo della pressione, ma il giorno dopo è nato perché, per
fortuna, era il giorno fissato per la nascita. In più volevo anche
sottolineare che sono in sovrappeso. Dopo questo lungo quadro che le ho
fatto, Lei cosa pensa? Possiamo fare il terzo figlio? Posso subire un altro
cesareo senza rischiare la vita né io né il bambino? Grazie mille in
anticipo!

Gentile Sig.ra,
i rischi conseguenti a un terzo cesareo non sono così elevati come pensa.
Ovviamente è possibile che vi sia qualche aderenza conseguente ai pregressi interventi, ma
l'esecuzione del cesareo in una struttura adeguata e soprattutto in mani esperte, non la
esporrà a nessun grosso rischio
Saluti
Murina

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti