nicla [uid:1326]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/09/2012 Aggiornato il 06/09/2012

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: nicla
Gentile Dottore, sono una mamma di 42 anni, in attesa di una bambina. Sono al 6° mese di gravidanza e ho le caviglie e i piedi molto gonfi, spesso dolenti al di sotto del malleolo interno. Che cosa mi consiglia di fare? In attesa di una sua risposta, le invio i miei più cordiali saluti. Grazie.
Nicla

Gentile Nicla, il gonfiore agli arti inferiiori (edemi) in gravidanza è molto frequente e può originare per differenti motivi. Più spesso è un cosiddetto disturbo fisiologico (naturale) della gravidanza, ovvero spesso nella seconda metà della gestazione le crescenti dimensioni dell'utero ostacolano il ritorno venoso dagli arti inferiori, inducendo un gonfiore a piedi e caviglie, in particolare in posizione eretta e nel corso della giornata.
Eviti di stare a lungo in piedi e pratichi massaggi con sollevamento delle gambe in posizione sdraiata. L'eventuale uso di flebotonici può essere molto utile. Vanno, però, escluse problematiche patologiche della gravidanza, quali condizioni di rialzo della pressione arteriosa con elevata eleminazione di proteine nelle urine.
Saluti
Murina

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti