Prendo troppo acido folico?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/11/2017 Aggiornato il 10/11/2017

In gravidanza è bene non superare i 5 milligrammi di acido folico al giorno, salvo particolari problemi di malassorbimento a livello dell'intestino.

Una domanda di: Inco
Salve dottoressa la ringrazio per il suo aiuto, si sto prendendo già da parecchi mesi dato un calo di acido folico nella malattia di crohn succede, lo prendo da 5mg folifill è troppo la quantità o devo passare a 4mg?ho fatto un controllo e da gli esami risulta alto e normale? Onde evitare qualche problema? Ma è vero che l acido folico si può prendere ad altranza… In gravidanza per quando tempo si deve prendere.?

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, sul foglio illustrativo del Folifill sono riportate queste indicazioni:
“L’uso del farmaco non è controindicato in gravidanza e in corso di allattamento. Non vi sono dati di sicurezza per un impiego a dosi superiori a 4-5 mg/die; pertanto in tali situazioni la dose giornaliera non deve superare i 5 mg.”
Rispetto al rischio di eccessivo apporto di acido folico, direi che ci sono da considerare questi due aspetti.
1) un apporto eccessivo di acido folico potrebbe nascondere un deficit di vitamina B12 rendendo più difficile la diagnosi di anemia perniciosa (riducendo le manifestazioni ematologiche della patologia) e facendo invece progredire le complicazioni neurologiche.
2) un apporto eccessivo di acido folico potrebbe inibire l’assorbimento dello zinco. Gli studi sperimentali sugli animali non sembrano tuttavia correlare la diminuzione di zinco da eccessivo apporto dietetico di acido folico ad effetti avversi sulla gravidanza.
Nel suo caso, quindi, direi che vale la pena ripetere il dosaggio dell’acido folico per confermarne l’eccesso ed eventualmente ridurne l’apporto.
Solitamente in gravidanza non si corre il rischio di livelli eccessivi di acido folico, in quanto è prezioso sia per la mamma che per il nascituro, come conferma il fatto che tutti gli integratori specifici per la gravidanza ne sono provvisti (ad un dosaggio di 400 microgrammi al giorno, molto inferiore a quello che assume lei che però ha una patologia che presumibilmente comporta dei malassorbimenti intestinali).
In linea di massima, direi che e’ certamente indicato nel periodo preconcezionale (ossia dall’inizio della ricerca della gravidanza) e fino al termine del primo trimestre. Come per tutte le vitamine e i minerali, è sempre importante ricordare che una dieta sana, ricca di frutta e verdura fresche di stagione, e’ di sicuro utile per promuovere la salute della mamma e del suo bimbo.
Come riportato sul sito del Ministero della Salute:
“I folati, pur trovandosi in abbondanza nelle verdure a foglia verde (carciofi, broccoli, asparagi, spinaci, lattuga), nei legumi (fagioli, ceci) e in alcuni frutti (arance, fragole e frutta secca), hanno una ridotta biodisponibilità.
Le verdure fresche, conservate a temperatura ambiente, possono perdere fino al 70% del loro contenuto in folati in tre giorni, inoltre i folati sono idrosolubili e perdite considerevoli (fino al 95%) si verificano nei processi di cottura.
Anche per questo è indispensabile utilizzare supplementi di acido folico che, essendo assorbito nell’intestino in misura quasi totale, assicurano uno status ottimale.”
Spero di esserle stata di aiuto, cordialmente

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti